“La ciglia viola, la prigioniera che si accosta alle sbarre, la lampada che oscilla sul Po: voglio dirti che ho amato tutto, Luca, e ora che i fanali segnano la strada, vado nel prato buio dove solo i rami indicano al vento il suo cammino e li porto qui, aggrappata alle prime ore: il fiume Ť sempre in piena, l’acqua cresce ancora ed Ť inutile arrossire per un errore che ormai la corrente travolgerŗ.”

MdA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

220 Aruba FTP Server

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.